AL COLLEGIO “SAN CARLO” DI MILANO STUDENTI IN SCENA CON UN MUSICAL (28-29-30 GENNAIO)


musical san carlo mi

Al San Carlo il musical di “Bianca come il latte, rossa come il sangue”. Il Collegio San Carlo, che da dodici anni ha inserito il musical tra i progetti didattici per i suoi studenti di medie e liceo, quest’anno metterà in scena uno spettacolo tratto da “Bianca come il latte, rossa come il sangue”, dall’omonimo romanzo di Alessandro D’Avenia, scrittore e docente al Collegio San Carlo. Registi e autori delle musiche sono Alberto Meloni, insegnante di musica in Collegio e responsabile del progetto didattico, ed Egidio La Gioia, attore di musical affermato. I dialoghi e i testi sono di Chicco Dossi, Mauro Morisi e Davide Rota. Gli interpreti sono tutti ragazzi dei licei del Collegio.

Lo spettacolo andrà in scena nelle serate del 28, 29 e 30 gennaio alle ore 20:45 presso la sala CINEMAX San Carlo di via Morozzo della Rocca 12, mentre il 20 gennaio alle 17 CINEMAX proietterà gratuitamente il film “Bianca come il latte, rossa come il sangue” diretto da Giacomo Campiotti. In occasione della proiezione del film sarà presente in sala Alessandro D’Avenia, per uno scambio di battute con il pubblico. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti (320). Per quanto riguarda il musical, pur trattandosi di un progetto didattico riservato agli studenti del Collegio e alle loro famiglie, quest’anno la scuola ha deciso di aprire le porte anche all’esterno, invitando chiunque desideri assistere allo spettacolo pur non essendo iscritto al San Carlo.

Sarà possibile ottenere un invito presentandosi ai banchetti predisposti nell’atrio del Collegio (corso Magenta 71): lo spettacolo è gratuito e viene chiesto un piccolo contributo che sarà devoluto in beneficenza. L’ingresso in sala è possibile solo dietro invito, ottenibile esclusivamente nei banchetti presenti in atrio del Collegio da lunedì 20, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

La trama del musical. Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo iPod. Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori “una specie protetta che speri si estingua definitivamente”. Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva. Ma questo giovane insegnante è diverso: una luce gli brilla negli occhi quando spiega, quando sprona gli studenti a vivere intensamente, a cercare il proprio sogno. Leo sente in sé la forza di un leone, ma c’è un nemico che lo atterrisce: il bianco. Il bianco è l’assenza, tutto ciò che nella sua vita riguarda la privazione e la perdita è bianco. Il rosso invece è il colore dell’amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice. Perché un sogno Leo ce l’ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa. Leo ha anche una realtà, più vicina, e, come tutte le presenze vicine, più difficile da vedere: Silvia è la sua realtà affidabile e serena. Quando scopre che Beatrice è ammalata e che la malattia ha a che fare con quel bianco che tanto lo spaventa, Leo dovrà scavare a fondo dentro di sé, sanguinare e rinascere, per capire che i sogni non possono morire e trovare il coraggio di credere in qualcosa di più grande.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.