E SE IL “SEGNO” DEL DOLLARO SI ISPIRASSE ALLO STEMMA DEI MALATESTA DI RIMINI? LO SEGNALA LA DIRETTRICE DEL METROPOLITAN MUSEUM OF ART DI NEW YORK…


FOTO DI ROBERTO ALBORGHETTI

*

Possiamo ben dirlo: l’Italia è grande, per la sua storia, per la sua arte e per la sua cultura (ah, se  lo sapessero anche coloro che ci rappresentano come popolo e come nazione!). Polemiche e battute a parte, è bello quando si scoprono storie come quella che voglio raccontare in poche righe.

Mesi fa ho pubblicato sul mio blog in inglese, un servizio dedicato ad uno dei più grandi monumenti del Rinascimento, il Tempio Malatestiano di Rimini, con notizie su altri due millenari monumenti: l’arco di Augusto ed il ponte di Tiberio. Ebbene, tra i tanti commenti positivi – ed anche esaltanti, per noi Italiani, che ci ritroviamo tanti tesori, forse senza  nemmeno saperlo… – ho ricevuto anche quello della signora Doralynn Pines che dagli USA mi ha inviato una segnalazione interessante al mio account LinkedIn (storia medievale e rinascimentale).

Già il suo nome mi ha fatto saltare sulla sedia… Sentite: Doralynn Pines è  Direttore Associato presso il Metropolitan Museum of Art di New York e si occupa delle più importanti sezioni museali del grande museo newyorchese. Queste le testuali parole che mi ha inviato: “Roberto, hai postato delle immagini meravigliose.  Sono sempre stata affascinata dal simbolo araldico dei Malatesta, che si presenta come il segno del dollaro, immagine creata molto prima che ci fosse il simbolo della moneta americana… Non so se qualcuno lo ha menzionato, ma Rimini è stato anche il set del meraviglioso film di Fellini, “Amarcord”. E ci sono bellissime scene della città…”.

Davvero curioso ed intrigante, se vogliamo. La signora Doralynn Pines in pratica dice che il segno del dollaro potrebbe avere le sue origini, od i suoi diretti richiami, nello stemma dei Malatesta, e nelle opere d’arte del Tempio Malatestiano di Rimini. Ho ricordato questa segnalazione, pervenuta dagli Stati Uniti, proprio stamattina, durante una conferenza stampa, presso l’Atelier di Alberta Ferretti a Milano, dove è stata presentata la Biennale del disegno, uno straordinario festival dei segni e dei disegni che prenderà il via a Rimini il 12 aprile (ne riferiremo prossimamente su questo blog). Dunque, c’è un “segno” che forse è il caso di scoprire… Vi invito a dare un’occhiata alla fotogalleria, relativa al Tempio Malatestiano di Rimini. E davvero non ci sono dubbi: per il “segno” del dollaro, qualcuno in America potrebbe essersi ispirato allo stemma italianissimo dei Malatesta di Rimini… 

Roberto Alborghetti        

LEGGI I POSTS ORIGINALI IN INGLESE:

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2013/12/01/that-sigismondo-malatesta-heraldic-symbol-xv-century-which-incredibly-looks-like-a-dollar-sign/

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2013/11/22/heart-places-from-malatesta-temple-to-augustus-bridge-and-arch-great-monuments-in-rimini-italy/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.