FENOMENI / E ANCHE LE SIGLE TV DEI “CARTOONS” SCOPRIRONO LE “COVER”, OSSIA LE VERSIONI RI-CANTATE…    


DISCHI COVER

Guest writer: GIANNI SORU

 

Già negli anni ’70, se una sigla aveva successo erano pronti ad uscire i dischi con le cover, ovvero canzoni ricantate da altri artisti. Quindi l’arrangiamento cambia, la musica rimane molto simile all’originale e la voce che la canta cerca di imitare il più possibile al vero interprete.

Sono state ricantate molte sigle di programmi tv come: “Ma che musica maestro”, “Vieni via con me taratapunzi punzi è”, “La tartaruga”, “Johnny il bassotto”, “Virgola”, “Isotta”, “Portobello”, “Machintosh”, “Sbirulino”, “Tarzan lo fa”, “Sì buonasera”, “Il leone”, “Giumbolo”, “La marcia di Topolino”, “Cicciotella”, “Charlie è una lenza”, “La balena”…;

Lo stesso vale anche per le sigle dei telefilm: “Furia”, “Sandokan”, “Orzowei”, “Zorro”, “Pippi calzelunghe”, “Woobinda”, “La banda dei 5” etc…

Stessa sorte toccherà poi anche alle sigle dei cartoni animati, appena una di queste aveva successo ecco uscire subito una cover, le copertine ovviamente non potevano riportare immagini originali del cartone animato e né utilizzare la stessa immagine della casa discografica di appartenenza, perché non ne avevano i diritti; questo portava spesso ad una piccola confusione nei bambini, che vedendo una foto disegnata, che riportava però il titolo originale, lo acquistavano, facendo perdere delle vendite agli originali. E’ quello che è successo a “Barbapapà”, “Ryù il ragazzo delle caverne”, “Noi super eroi”, “Danguard”, “L’ape Magà”, “Ken Falco”, “Temple e Tam Tam”, “Mazinga Z”, “Tekkaman”, “Gundam”, “Daitarn 3”, “Space robot”, “Jet robot”, “Starblazers”, “Capitan Futuro”, “Daltanious”, “Trider G7”, “Bambino Pinocchio”, “Gatchaman la battaglia dei pianeti”, “Gordian”, “L’Uomo Tigre”, “Galaxy Express”, “Jenny la tennista”, “Belle e Sebastien”, “Sam ragazzo del West”, “Mimì e le ragazze della pallavolo”, “Flo la piccola Robinson”, “Hello Spank”, “Mimì e la nazionale di pallavolo”, “Georgie”, “L’incantevole Creamy”, “Kiss me Licia”, “Occhi di gatto”

Quando invece una sigla aveva un successo più longevo nel tempo ecco ristampare i dischi con le cover cambiandone la copertina con un nuovo disegno: “Heidi” ( è il disco che ha avuto più cover, più di 6 dischi ristampati con copertine diverse), “Ufo robot”, “Goldrake”, “Jeeg robot”, “Capitan Harlock”, “Il grande Mazinga”, “Don Chuck il castoro”, “Remì le sue avventure”, “L’ape Maia”, “Pinocchio perché no?”, “Candy Candy”, “La canzone di Charlotte”, “Peline story”, “Anna dai capelli rossi”, “Bia la sfida della magia”, “Lulù l’angelo tra i fiori”, “La spada di King Arthur”, “Lady Oscar”, “Canzone dei Puffi”, “John e Solfami”

Alcuni dischi con le cover venivano addirittura allegati alle brioche San Carlo, si potevano trovare quelli di “L’ape Maia”, “Candy Candy”, “La canzone di Charlotte”, “Pinocchio perché no?”, “Peline story”, “Anna dai capelli rossi” etc…

Sul lato B del disco ci stava sempre una canzoncina nota come Caro papà, Il mio bel castello, Madama Dorè, Cin Cin… Ping Pong, E’ arrivato l’ambasciatore, Formicuzza, La bella lavanderina, Questo è l’occhio bello, Simeone, Marianna, Giro giro tondo, Tanti auguri…

Ma chi erano queste persone che le ricantavano cercando di essere il più fedele possibile ai brani originali? I Sanremini (un gruppo di bambini), oppure i Boys Group (un gruppo di adulti e di questi ogni tanto vi faceva parte pure Riccardo Zara del gruppo dei Cavalieri del Re, la sua voce la si può sentire in Zorro, Furia soldato, Tarzan lo fa… ed ha dovuto fare addirittura la cover dei suoi stessi brani originali di Lassie e Rin Tin Tin); poi anche i fratelli Balestra hanno ricantato alcune celebri sigle come L’ape Magà, La banda dei ranocchi, Sasuke, Lady Oscar, Lulù…; poi anche Elisabetta Viviani ha ricantato sigle di altri come Ufo robot, Lady Oscar, Lupin III, Pokemon… ed infine anche Giorgio Vanni ha ricantato Daitarn 3, L’Uomo Tigre, Lamù la ragazza dello spazio, I Cavalieri dello zodiaco…

Specializzato in questo settore di cover era la casa discografica della LS, divenuta poi la Duck Record, etichetta che otterrà un enorme successo proprio grazie alle sue compilation di cover.

Già nel 1980 cominciano ad uscire dischi a 33 giri che raccolgono le cover, ottenendo discreti successi; nel 1986 non verranno più stampati i 45 giri con le cover causa crisi discografica, ma ancora oggi vengono stampate compilation con canzoni ricantate e sono realizzate da diverse etichette come la Butterfly, DV More Record, Fonola…

 

 

GIANNI SORU

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.