FENOMENI / RE, CAVALIERI E IL MEDIOEVO NEI CARTONI ANIMATI


RE CAVALIERI E MEDIOEVO

Guest Writer: GIANNI SORU

Tratto dal racconto “I Cavalieri della tavola rotonda” di T. H. White del 1200 ha conquistato ed affascinato tutto il mondo.

“RE ARTU’ E I CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA”

Andato in onda nel 1980 su Quinta Rete non ha avuto fortuna. Il Re di Camelot, vive nel suo castello, ogni volta che ha bisogno di aiuto o di un consiglio, si rivolge al cavaliere Artù, un po’ pasticcione. Ad affiancarlo è il suo amico giullare d il mago Merlino.

“LA SPADA DI KING ARTHUR”

Andato in onda nel 1981 su Quinta Rete-Antenna Nord (futura Italia 1), ha ottenuto un enorme successo. Più di 1000 anni fa, a Camelot i Cavalieri neri di Re Lavic uccisero i genitori di Artù. Una volta cresciuto Artù vuole riconquistare il Regno dei suoi genitori, ma per diventare il Re deve impossessarsi della Sacra spada di Exaliburd e del Sacro Scudo Biscio. Nelle sue lotte Re Artù sarà affiancato da: Kay, Tristano, Lancillotto, Parsifal, Gareth, Fiene e da Mago Merlino. Nemici di Re Artù, oltre Re Lavic, è la strega Media.

Nella seconda serie Artù, intraprende un lungo viaggio per combattere una banda di vichinghi che cercano di conquistare Camelot, con lui Boss e Pete. Artù da ragazzo fifone diventa il Cavaliere dal cavallo bianco. Sua nemica la strega Medessa, figlia di Media.

Tanta la lineacollezione a lui dedicata: adesivi, astucci, cartoline, disco, disegni da colorare, dvd, fumetto, maglietta, maschera di carnevale, quaderno, patatine, poster, pupazzetto, segnalibro… La bellissima sigla arrivata in top-ten con 300 mila copie è cantata da I Cavalieri del Re.

“C’è un gran castello nella contea di Camelot, con mille e più scudieri al servizio di un grande Re dal sangue blu (vai Arturo va, vai Arturo va). Re Artù (vai Arturo va). Tutti i Cavalieri della Tavola Rotonda, giurano solenni eterna fedeltà a sua maestà (Vai Arturo va, vai Arturo va). Re Artù (vai Arturo va). Con la sacra spada mette tutti in fuga nessuno mai lo vincerà. Anche Lancillotto furbo più di un gatto mai colui si batterà. Nobile di cuore puro di pensieri il sole non tramonta più alla corte del grande Re Artù…”

“PRINCIPE VALIANT“

Andato in onda nel 1993 su Italia 1, non ha avuto molta fortuna. Il giovane Valiant è costretto all’esilio e vuole diventare un cavaliere, arriverà a Camelot alla corte di Re Artù. Ma si renderà conto che nella reggia non è tutto così bello come si aspettava, ci sono intrighi, e malelingue. Valiant e i suoi amici rischieranno spesso la vita per difendere il Re e Mago Merlino. La sigla è cantata da Cristina D’Avena.

“RE ARTU’ E I CAVALIERI DELLA TAVOLA ROTONDA”

Andato in onda nel 1995 su Italia 1, è stato un grandissimo flop. 12 ragazzi di una squadra di football americano, dal XX secolo, con un incantesimo, vengono trasportati ai tempi di Re Artù e del regno di Camelot. Trasformarli in cavalieri della Tavola Rotonda, combattono il malvagio Lord Viper. La sigla è cantata da Marco Destro.

“I DISASTRI DI RE ARTU’”

Andato in onda nel 2006 su Disney Channel, è stato un grande flop. Re Artù, ingenuo, è piccolo di statura, innamorato alla follia di Ginevra. Suo amico è Robin Hood che ruba ai ricchi per donare ai poveri, poi ci sta mago Merlino e Lancillotto, il cavaliere che in realtà trama contro Artù.

“TRENK IL PICCOLO CAVALIERE”

Andato in onda nel 2014 su Rai 2 è stato un flop. Trenk ha 9 anni, fa il contadino in un piccolo paese della Germania, e sogna di diventare un cavaliere. Una sera parte per la città, qui vuole costruire una casa per i suoi genitori.

“MIKE IL CAVALIERE”

Andato in onda nel 2012 su Cartoonito, non ha avuto molta fortuna. Mike è un bambino di 10 anni che sogna di diventare un cavaliere, vive in un castello con mamma, papà, la sorellina e i suio 2 amici draghi sputafuoco. Ricordiamo anche “La spada nella roccia” il lungometraggio Disney del 1963, un successo mondiale. Sempre del Medioevo son da citare anche

“RUY IL PICCOLO CID”

Andato in onda nel 1983 su Italia 1, ha riscosso un buon successo. Tratto dalla vera storia dello spagnolo Cantar De Mio Cid del 12° secolo, scritta da Rodrigo Diaz. Medioevo, in Spagna, Ruy ragazzo monello, ha un grande sogno, poter diventare un Cavaliere nobile senza paura come il padre scomparso quando lui era ancora piccolo. Ruy viene affidato di volta in volta a frati buoni e burberi.

La lineacollezione dedicata a Ruy è stata adesivo, cartolina, disco, disegni da colorare, quaderno, segnalibro. La sigla è cantata da Benedetta con gli Oliver Onions.

“Corre su e giù corre lontano nel blu, tutti lo sanno oramai non si fa prendere mai eccolo Ruy piccolo Cid. Ruy piccolo Cid. Dicono che come lui no non ce n’è, un eroe forte così non potrà tornare qui eccolo Ruy piccolo Cid. Ruy piccolo Cid. Monello sognatore non ha voglia di studiar. i grandi cavalieri lui di giorno va a cercar, in giro solitario va sognando qualche eroe, e nella casa sua non c’è nessun che lo aspetterà. Corre su e giù corre lontano nel blu, con la sua spada potrà lui potrà sempre lottar. Eccolo Ruy piccolo Cid. Ruy piccolo Cid. Ruy piccolo Cid. Ruy piccolo Cid…”

Ricordiamo anche il lungometraggio “EL CID” del 2004. Numerosissimi sono i film dedicati a Re Artù, una ventina. Nel 2010 è arrivato il telefilm a puntate dal titolo “Merlin” su Italia 1, ed ha riscosso un buon successo.

GIANNI SORU

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.