GLI AGNELLI DI NATALE: STRAGE INSOSTENIBILE, ANCHE PER L’AMBIENTE


STRAGE AGNELLI 2

Mancano pochi giorni a Natale e in questo periodo nei macelli italiani stanno arrivando agnelli a un ritmo frenetico, per soddisfare una domanda che come sempre si impenna sotto le feste. In questo periodo infatti sono più di mezzo milione gli agnelli che vengono macellati, un dato di cui molti consumatori italiani non sono a conoscenza. 

  • Più del 30% degli agnelli uccisi in Italia per il consumo di carne vengono macellati proprio a Natale (Dati Istat)

  • Ogni anno in Italia vengono macellati quasi 3 milioni di ovini

  • Più di 2 milioni e mezzo sono agnelli

  • L’84% di questi animali muore prima di raggiungere i 6 mesi di età

Animal Equality ha condotto numerose investigazioni proprio in Italia, per mostrare come vivono e come sono trasportati e macellati gli agnelli. Gli investigatori hanno potuto documentare:

  • La separazione spesso violenta degli agnelli dalle loro madri; 

  • Madri che rincorrono gli operatori che portano via i cuccioli; 

  • La macellazione di agnelli pienamente coscienti; 

  • Operatori prendere a calci gli animali; 

  • Operatori che esprimono comportamenti violenti e commettono abusi sugli animali; 

E queste sono solo alcune delle problematiche che le investigazioni di Animal Equality e di tante altre organizzazioni hanno documentato in Italia. Nel nostro paese infatti non vengono solamente macellati agnelli allevati in Italia: molti infatti vengono importati da altri paesi, in particolare dall’Europa dell’Est. 

Come documentato in numerose investigazioni, molti agnelli sono costretti a viaggi lunghissimi, ammassati su camion su cui non vengono forniti né cibo né acqua. Spesso rimangono incastrati e soffrono ulteriormente – e inutilmente – lungo la strada per i macelli italiani. Arrivano in Italia che hanno solo 30 o 40 giorni, ma il loro destino è segnato.  

«Dal 2013, Animal Equality si è impegnata per difendere anche gli agnelli e grazie al lavoro dei nostri investigatori e di tante altre organizzazioni, siamo riusciti a ridurre drasticamente i consumi di carne di agnello in Italia» spiega Matteo Cupi, Direttore Esecutivo di Animal Equality Italia. Il numero di ovini macellati è diminuito del 9,11% negli ultimi sei anni e – secondo il Codacons – nel 2017 i consumi sono calati del 10% rispetto all’anno precedente, un numero continuamente in calo» conclude Cupi. 

Quello degli allevamenti intensivi è un sistema completamente insostenibile, che genera una grande quantità di gas serra, consuma un terzo dell’acqua potabile ed è causa di deforestazione. Ma soprattutto, infligge agli animali inutili sofferenze, anche durante la macellazione. 

>>> LINK AL VIDEO DI ANIMAL EQUALITY; AVVERTIMENTO: CONTIENE SCENE FORTI, CHE POSSONO URTARE LA SENSIBILITA’ DELLE PERSONE : https://youtu.be/IZC5c_1cH20

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.