“ASCOLTARE PIU’ INTENSAMENTE”: CONSIGLI PER LE LEZIONI ON LINE AL TEMPO DI CATTIVIRUS


1 classe IV A- I.C.Cassano de Renzio-PASTORESSA
Uno tra le migliaia di disegni inviati all’iniziativa on line per le scuole italiane lanciata dalla casa editrice Funtasy sul tema del coronavirus.

Gli insegnanti stanno attualmente comunicando non solo con i loro studenti e genitori esclusivamente via Internet, ma anche tra loro – e soprattutto attraverso lo schermo di un computer. E’ la cosiddetta “scuola a distanza”. La sezione pedagogica dell’Istituto Goetheanum ha ampliato i suoi consigli per la vita scolastica durante il periodo del coronavirus per includere suggerimenti per lo svolgimento di conferenze per insegnanti di video.

“La prima sensazione è pura gioia nel vedersi e sentirsi di nuovo!” È così che Tomáš Zdražil descrive la sua impressione di una conferenza web alla Freie Hochschule di Stoccarda (il Collegio per la pedagogia di Waldorf in Germania) sul blog della sezione pedagogica del Goetheanum. “Devi ascoltare più intensamente ciò che qualcuno sta dicendo o vuole dire”, è stata l’esperienza di Christof Wiecher con riunioni basate sul web. L’insegnante Waldorf, docente ed ex capo della sezione pedagogica partecipa una volta alla settimana alla conferenza virtuale in una scuola in Asia.

Il prerequisito per una conferenza Web è che tutti i partecipanti siano adeguatamente formati sul software necessario. Potrebbero esserci dei genitori che possono aiutare con l’installazione e il funzionamento. Una videoconferenza è inoltre semplificata se i documenti pertinenti sono disponibili in anticipo. Tomáš Zdražil fornisce tre ragioni per questo: “Assicurare che tutti abbiano familiarità con il problema, che l’attenzione dei partecipanti non sia eccessivamente sollecitata e che il tempo trascorso a parlare possa essere ridotto al minimo necessario” – l’esperienza precedente indica una durata massima di tra 60 e 90 minuti.

Christof Wiechert raccomanda che qualcuno sia responsabile della presidenza della discussione. Le regole del gioco includono contributi brevi, poiché dichiarazioni più lunghe possono essere presentate per iscritto in seguito. La parola parlata dovrebbe avere la priorità su una funzione di chat parallela. Argomenti più complessi possono essere delegati a una sotto-conferenza, che riporta i risultati alla conferenza degli insegnanti principali.

Secondo Tomáš Zdražil, le videoconferenze raggiungono i loro limiti, “più gli argomenti sono personali e più vicini”. Questo vale, ad esempio, per le domande sull’assunzione di nuovi colleghi. È anche difficile discutere questioni controverse; gli strumenti di voto potrebbero aiutare a rispondere a domande sì o no.

Online http://www.goetheanum-paedagogik.ch/en/homeschooling

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.