BELLE NOTIZIE / UFFIZI: CAPOLAVORI D’ARTE ‘TRADOTTI’ NELLA LINGUA DEI SEGNI


“Video-descrizioni” dei capolavori della Galleria degli Uffizi nella Lingua dei Segni Italiana (LIS) con sottotitoli in italiano e, prossimamente, anche in Segni Internazionali con sottotitoli in inglese. Questa una delle principali novità dei progetti di miglioramento dell’accessibilità per le persone sorde, sviluppati nel corso dell’anno dal Museo con la collaborazione scientifica dell’Ente Nazionale Sordi. Il progetto è stato illustrato in occasione della Giornata Internazionale dei Diritti delle Persone con Disabilità (3 dicembre).

Le video-descrizioni, parte del più ampio progetto “Uffizi per tutti”, si potranno vedere collegandosi al sito delle Gallerie degli Uffizi ed accedendo alla sezione “Video”. Ciascun video presenta un capolavoro (la Primavera di Sandro Botticelli, i Ritratti dei Duchi di Urbino di Piero della Francesca ed altre opere) con brevi spiegazioni ed informazioni essenziali, in modo da non distogliere del tutto dall’osservazione dell’originale, quando ci si colleghi da uno smartphone durante la visita al museo. 

La narrazione nei video è stata affidata a un giovane attore teatrale e televisivo sordo, anche allo scopo di ricordare il diritto delle persone con disabilità a godere di pari opportunità sotto il profilo lavorativo.

Dal 2019, il Dipartimento per l’Educazione ha attivato un servizio di affiancamento, garantito da interpreti LIS qualificati, per studenti e bambini sordi che nei musei delle Gallerie degli Uffizi partecipano ai progetti educativi per le scuole e per le famiglie.

Inoltre, sulla pagina Facebook istituzionale del museo è stato possibile mettere in pratica le prime azioni concrete in direzione di una maggiore accessibilità dei contenuti per le persone sorde. In occasione della Giornata Internazionale delle Lingue dei Segni (23 settembre 2020) è stato infatti avviato il progetto “Parole Chiave”: si tratta di brevi video con interpretariato in Lingua dei Segni Italiana (LIS), pubblicati a cadenza mensile, che si propongono di stimolare una riflessione sul significato di concetti universali (come giustizia, coraggio, tenerezza) ma anche di valorizzare la LIS come lingua. I video “Parole Chiave” rendono i contenuti accessibili alle persone sorde e, al tempo stesso, promuovono la conoscenza della LIS verso un pubblico più ampio.

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt: “Tutti dobbiamo avere pari opportunità di accesso alla cultura, e dunque anche ai musei e ai loro contenuti. Applicare questo diritto è uno dei principali obiettivi delle Gallerie degli Uffizi, così come dell’Ente Nazionale Sordi con cui abbiamo proficuamente lavorato a questo progetto: esso intende garantire la piena accessibilità alle persone sorde nel rispetto dell’articolo 9 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità”.

Il Presidente dell’Ente Nazionale Sordi Giuseppe Petrucci: “Si tratta di una iniziativa fondamentale, quello dell’arte e della cultura è un mondo dinamico e sensibile nel nostro Paese e ora, in virtù di una reale cultura dell’accessibilità, le Gallerie degli Uffizi avvicinano le persone sorde al nostro patrimonio culturale. L’ENS da anni è attento a progetti di valorizzazione e fruibilità culturale – come ‘MAPS. Musei Accessibili per le Persone Sorde’ e ‘AccessIbItaly’ – e siamo veramente lieti e orgogliosi che, anche in questo periodo difficile e complesso, aumentino le iniziative per una sempre migliore inclusione sociale delle persone sorde”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.