100 ANNI FA NASCEVA EMILIO ROSSINI, PIONIERE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO


Cent’anni fa, il 6 dicembre, nasceva in Valle Brambana (Bergamo) Emilio Rossini, La sua è sempre stata una vita in movimento, con la mente puntata su progetti ed idee nel campo dell’antinfortunistica, di cui si può definire un pioniere. Un tema che è sempre di (drammatica) attualità, visto l’aumento dei casi di infortuni sui luoghi di lavoro in Italia.

Imprenditore, uomo schietto e dal grande cuore. Emilio Rossini non ha avuto una vita facile. Ma le difficoltà quotidiane sono state il suo pane, la motivazione per raggiungere traguardi sempre più alti. Emilio Rossini nacque cent’anni fa, il 6 dicembre 1921, a Sedrina, in provincia di Bergamo, da Giuseppe e Letizia, quarto di sei figli. Animato da tanta voglia di fare, fin da piccolo Emilio mostra una spiccata attenzione per il commercio. A dieci anni, a bordo di una bicicletta, già sfreccia per la Valle Brembana a vendere sapone di Marsiglia, lamette e carte da lettera.

A diciannove anni, quando ormai aveva costituito una solida rete di vendita, parte per il servizio militare. Nella seconda Guerra mondiale partecipa alla “campagna di Russia” dell’Armir. Nel dicembre del 1942 è fatto prigioniero. Una esperienza tragica e drammatica, che vede Emilio Rossini salvare la vita ad un proprio commilitone, Raffaele Fantuzzi. Un episodio raccontato nel libro “Prigionia c’ero anch’io” di Giulio Tedeschi.  Dopo la guerra e la  prigionia, Emilio torna a casa e riparte da zero. Riprende a fare commercio, gira per i mercati, avvia un negozio di tessuti ed abbigliamento. Il 4 novembre 1950 sposa Angiolina: una unione allietata dalla nascita di Tiziana, Vilma e Marco. 

Negli anni ’60 Emilio Rossini crea un laboratorio di confezioni specializzato in abiti da lavoro. E’ l’inizio di una impresa che lo porterà alla creazione di un polo per la produzione e la commercializzazione di articoli antinfortunistici. Nasce la Rossini Trading, che oggi conta su una rete capillare di vendita, oltre che una posizione di leadership nel settore. Emilio è mancato nell’aprile 1998. Le sue intuizioni e la sua testimonianza di uomo e di imprenditore sono un costante punto di riferimento per Tiziana, Wilma e Marco, che oggi continuano con successo l’opera avviata dal papà.

L’appassionante vicenda di Emilio Rossini è raccontata da Roberto Alborghetti nel libro “Una vita all’urto”, una biografia che rende giustizia alla memoria di Emilio, raccontandolo “In prima persona”, in un’avvincente storia di famiglia. Il libro, tra l’altro, venne preparato e scritto da Alborghetti all’insaputa di Emilio, che venne intervistato con svariate motivazioni. Una volta pubblicato da Ferrari Editrice, gli venne poi donato in una bellissima festa di compleanno: un regalo dei figli al proprio formidabile papà. Tra l’altro, come molti ricorderanno, ad Emilio Rossini venne intitolata una grande iniziativa, “Primi in Sicurezza”, che per ben 12 anni, in collaborazione con OKAY! ed Anmil , coinvolse scuole di tutta Italia in una innovativa campagna di prevenzione degli infortuni sul lavoro.

In questa pagina: foto di Emilio Rossini con i figli, scattate nel 1996 presso la Rossini Trading Spa, tratte dal volume “Una vita all’urto/ La piccola grande storia di Emilio Rossini”,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.