CICLISTI, SEMPRE PIÙ ESPOSTI AI RISCHI: I DATI DEL RAPPORTO UE SULLA SICUREZZA STRADALE


L’ultimo rapporto sulla sicurezza stradale della Commissione europea è incentrato sulla sicurezza dei ciclisti. L’estate presenta un picco stagionale di incidenti mortali in bicicletta e lo studio tematico dell’Osservatorio sulla sicurezza stradale illustra importanti risultati e raccomandazioni sui motivi di questa situazione e sui miglioramenti che potrebbero essere apportati.  

I ciclisti sono particolarmente vulnerabili nel traffico e costituiscono l’unico gruppo di utenti della strada nell’UE il cui numero di vittime non è diminuito dal 2010. È sorprendente che 1 decesso su 10 coinvolga un ciclista, che sale a 1 su 7 sulle strade urbane. Le ragioni della stagnazione dei livelli di mortalità dei ciclisti potrebbero essere dovute all’aumento dei ciclisti o altri fattori come la mancanza di infrastrutture ciclabili sicure. 

Gli incidenti mortali dei ciclisti avvengono per lo più con i veicoli a motore. Nel 2019, nell’Unione Europea, questi sono stati circa il 70%. Mancano anche dati affidabili in tutta l’UE sugli incidenti con gravi lesioni ai ciclisti. Questi incidenti sono significativamente sottostimati, soprattutto quelli senza il coinvolgimento di veicoli a motore. 

Come per altri tipi, gli incidenti in bicicletta sono per lo più causati da una combinazione di fattori diversi. I fattori infrastrutturali sono fondamentali e comprendono la costruzione di piste ciclabili separate, la garanzia che il manto stradale sia resistente allo slittamento e privo di buche e l’introduzione di dossi per ridurre la velocità dei veicoli a motore agli incroci. Anche i fattori comportamentali svolgono un ruolo importante: i comportamenti non sicuri dei ciclisti e degli altri utenti della strada (ad esempio, eccesso di velocità, distrazione, passaggio con il rosso e guida in stato di ebbrezza) aumentano il rischio di incidenti. Ci sono molte iniziative in tutta Europa che lavorano per migliorare la sicurezza stradale dei ciclisti, ma possiamo fare di più. 

Leggete il rapporto completo qui 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.