UN SECOLO PER LA PITTURA: L’OMAGGIO DI RUSSI (RA) A “NONNO” MARIO GUANDALINI CHE COMPIE 99 ANNI


Il Museo della Vita Contadina di San Pancrazio di Russi (Ravenna) rende omaggio ai sogni pittorici
dell’artista Mario Guandalini con una mostra dal titolo “Un viaggio nell’arte lungo quasi
un secolo”, che sarà inaugurata il 1° ottobre, alle ore 10,00 per celebrare il suo ingresso
nel 100mo anno, perché il 28 ottobre prossimo l’artista compirà 99 anni.
Ma perché una mostra? Ce lo raccontano i curatori: il figlio Stefano, che vive a Chicago
(USA) e Professore Emerito di Pediatria all’Università di Chicago, e Patrizia Poggi, promotrice
di Arte e Cultura:
«Giunto a 98 anni, timidamente si lascia uscire un “Mi piacerebbe fare una mostra”. E pensare
che lungo tutti questi anni aveva esposto i suoi quadri solo due volte: a 24 anni, nel 1947 a
Roma, al Palazzo delle Esposizioni, nella Rassegna Nazionale di Arti Figurative e nel 1968 a
Messina, al salone del Palazzo della Provincia. Il suo rinnovato interesse a più di 50 anni
dall’ultima esposizione ha subito innescato il desiderio di accontentarlo. Manco a dirsi, poco
dopo Mario ha titubato, ritraendosi e cercando di smontare il nostro zelo, quasi dispiaciuto di
creare un onere o addirittura un fastidio. Ma abbiamo proseguito imperterriti, anzi sempre più
convinti che esporre le sue opere, tra quadri, fotografie, icone, disegni fosse il giusto
riconoscimento ad un artista rimasto sconosciuto ai più per… i suoi primi 99 anni ».

Mario Guandalini nasce a Reggio Emilia nel 1923; dopo aver trascorso l’infanzia a
Modena, terra paterna di origine, si trasferisce coi genitori dapprima a Bari e poi, quindicenne,
a Roma. Per oltre trent’anni è stato dirigente dell’ E.N.P.I. (Ente Nazionale Prevenzione
Infortuni), dedicandosi anche all’attività sindacale, di cui ha ricoperto la
carica di segretario nazionale del Sindacato ENPI/CISL. Nel 1970 viene a Ravenna a dirigere
l’ENPI e qui si stabilirà definitivamente.
Ma non ha mai tralasciato l’amore per la pittura, specchio della sua interiorità, fatta di
spiritualità e di legami indissolubili con la terra e le persone che la vivono. Mario dipinge,
disegna, scolpisce, assembla, si muove dalla xilografia all’incisione, dalla serigrafia alla
litografia; fa bassorilievi, icone, fotografie, scrive poesie. Racconta e cita la vita, il sacro, il
dramma, l’universo, l’uomo, l’amore, il mondo, la storia e la citazione diventa il vestito di un
potere che nutre la sua creatività, carica di segni e colori, di febbre umana e sensuale, di
memoria dipanata come una matassa.

Che “stile” gli si può attribuire? Il suo stile pittorico è personalissimo e sfugge alle definizioni.
I toni e la materia, i colori netti e decisi delle sue opere sono di forte impatto emotivo. Tutte le
immagini e le figure sono essenzializzate, senza cadere nell’ astrattismo. E questa
essenzializzazione dà forza a un segno che racchiude le figurazioni, è un segno–tratto che è
pittura, che contorna, dimensiona e caratterizza quasi un secolo di vita vissuta, ma anche la
fine di un’epoca, i cosiddetti tempi di “La Malora” di Beppe Fenoglio, di cui quest’anno
ricorre il centenario della nascita. Un’epoca unica e irripetibile, con tanti protagonisti, che ha
cambiato la composizione sociale di una terra di contadini poveri.
Nel complesso periodo storico che stiamo vivendo, in un mondo sconquassato dalla
pandemia, dalle guerre, in un clima di destrutturazione, incertezza e sconforto, la mostra
personale di Mario Guandalini, prezioso patriarca di un viaggio quasi centenario, offre degli
spunti per far riflettere l’intera comunità a cui apparteniamo. Persone, luoghi, memorie,
emozioni speciali a cui fare ritorno dopo ogni viaggio, dove il senso di appartenenza è da
condividere per contenere l’individualità.
La mostra non è solo un regalo di compleanno, ma anche l’occasione per il Museo di esporre
i patrimoni custoditi dalla comunità: tradizioni, territorio, cultura, bellezza, creatività e
innovazione, il “savoir-vivre” del Bel Paese che abita nei piccoli borghi.

MOSTRA: INFORMAZIONI

Sede: Museo della Vita Contadina
Via XVII Novembre 2A – San Pancrazio | Russi-Ravenna
Inaugurazione: 1° ottobre 2022, ore 10
Orario: sabato e domenica dalle 9 alle 12,30
Organizzazione: Associazione Culturale La Grama – San Pancrazio
Ingresso gratuito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.